• M.Rosaria Bianchi (+39) 3475 869 539
  • Fabio Vittorioso (+39) 3924 044 252
  • info@socialpixel.it

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

 L’invio di newsletter aziendali è sicuramente una delle strategie di Content Marketing più utilizzate per riuscire ad instaurare coi propri utenti un legame duraturo e costante.

Tuttavia, se non sono fatte a dovere, le newsletter possono rivelarsi anche un’arma a doppio taglio per un’azienda e ti spiego subito perché: se i contenuti che condividi con gli utenti non sono abbastanza interessanti e di valore, coloro che leggono la mail potrebbero sentirsi perfino infastiditi dal riceverla.

Nei paragrafi che seguono ti spiego quindi a cosa servono le newsletter aziendali e come fare ad ottimizzarle in modo da centrare tutti gli obiettivi.

Quali sono gli obiettivi di una newsletter

Per newsletter, probabilmente già lo sai s’intende, una e-mail inviata dall’indirizzo di posta elettronica della tua azienda, contenente informazioni su quest’ultima che possono essere interessanti anche per i suoi utenti.

Non esistono, di fatto, limiti agli argomenti di cui può trattare una newsletter, potrebbe parlare di offerte, nuovi prodotti, eventi oppure, se possiedi un blog, contenere i link agli ultimi articoli pubblicati sul tuo sito: insomma, chi più ne ha più ne metta, l’importante, perché il tuo messaggio risulti efficace, è che le informazioni che contiene siano rilevanti per coloro che la ricevono in modo che siano invogliati a leggerla.

Un’altra caratteristica della newsletter è che, oltre ad avere una frequenza periodica (di solito settimanale, bisettimanale o mensile), è indirizzata a persone che si sono iscritte in modo spontaneo ad un form che si trova sul tuo sito: una strategia che usano quasi tutte le aziende e soprattutto i siti e-commerce per incentivare l’iscrizione alla newsletter è quella di offrire uno sconto una tantum a tutti coloro che si iscrivono attraverso il form di contatto.

Ciò detto, vediamo meglio quali sono gli obiettivi che un’azienda può perseguire con una newsletter:

  • Rafforzare il legame con i propri utenti tramite l'invio periodico di comunicazioni rilevanti;
  • Incrementare la fedeltà di marca grazie all’invio di contenuti di valore che ti faranno sembrare una voce autorevole nel tuo settore;
  • Stimolare le vendite attarverso l’invio di offerte e promozioni dedicate agli iscritti alla stessa newsletter;
  • Fare storytelling aziendale, in quanto, con la newsletter, l’azienda ha un canale ulteriore per parlare di sé ai propri clienti
  • Avere a disposizione sempre nuovi contatti per le tue campagne di marketing.

Ecco anche un esempio per comprendere meglio a cosa servono le newsletter aziendali: mettiamo che tu abbia un’impresa edile e decida di inviare ogni mese agli utenti iscritti al sito una e-mail contenente informazioni sulle tue offerte e/o sulle novità del tuo settore.

Di sicuro, coloro che si sono iscritti al tuo sito, anche se incentivati da uno sconto o altra promozione, lo hanno fatto perché interessati alla tua attività: magari si tratta di ex clienti o di persone che a breve avranno necessità di fare lavori in casa; inviando loro una newsletter periodica in cui parli di te e fai vedere i tuoi lavori più importanti, oppure presenti sconti ed offerte particolari, avrai maggiori chance di convertirli, cioè di trasformarli in tuoi clienti. Non fa una grinza, non trovi?

Come creare una newsletter che funzioni    

Ora che ho parlato degli obiettivi di una newsletter aziendale, devo dire anche che non è sempre facile centrarli: per farlo, occorre che sia dal punto di vista dei contenuti che della forma la tua e-mail presenti alcune caratteristiche.

Per quello che concerne i contenuti, le regole generali per realizzare una newsletter efficace sono le seguenti:

  1. Punta sulla qualità: una newsletter deve contenere informazioni interessanti e di valore per colpire l’attenzione degli utenti e diventare un’ “amica” in grado di fornire loro news e consigli;           
  2. Metti la vendita in secondo piano: coloro che ricevono la newsletter si aspettano di ricevere informazioni e consigli di valore, non fare quindi solo e-mail con contenuti commerciali altrimenti finirai col ridurre drasticamente l’open rate delle tue e-mail;
  3. I tuoi utenti devono sentirsi legati ma non obbligati: metti il link di disiscrizione in un punto della mail facile da trovare in modo che possano abbandonarti quando vogliono.

E per quello che riguarda la forma? In questo caso, le regole da seguire sono assai più numerose:

  1. Scegli bene l’oggetto della tua e-mail: deve essere accattivante e invogliare gli utenti a correre subito a leggere il tuo messaggio;
  2. Scrivi in modo corretto, evitando errori, ma con un linguaggio semplice ed immediato;
  3. Utilizza una grafica che si richiami a quella del tuo sito e che sia sempre la stessa per ogni newsletter per renderle riconoscibili;
  4. Fai in modo che il tuo messaggio possa essere aperto e letto agevolmente anche su schermo verticale in quanto molte persone oggi leggono le e-mail tramite il cellulare;
  5. Inserisci all’interno della e-mail anche delle immagini in modo da rendere più piacevole e diretto il messaggio che vuoi comunicare;
  6. Se invii offerte o promozioni, metti anche dei pulsanti di invito all’azione per far sì che l’utente sappia dove andare per usufruire del proprio vantaggio.

Tutto chiaro? Ovviamente, saper fare una buona newsletter richiede anche un po’ di esperienza: se desideri ricevere assistenza nella realizzazione delle tue newsletter aziendali non esitare a contattarci.

0
0
0
s2smodern

Il sito utilizza solo cookie tecnici. Tramite il sito sono installati cookie di terze parti (tecnici e profilanti). Chiudendo il banner, l'utente accetta l'utilizzo di tutti i cookie. Per maggiori informazioni, anche in ordine alla disattivazione, è possibile consultare l'informativa cookie completa.