Cosa vedere in pochi giorni a Buenos Aires: guida utile per il turista moderno

cosa vedere a buenos aires

La capitale dell’Argentina è la seconda megalopoli sudamericana per importanza economica e culturale.

Cosa vedere a Buenos Aires in tre giorni

 Prima tappa di Buenos Aires è la piazza politica detta Playa de Mayo. Accanto abbiamo il Cabildo (il comune), la Casa Rosada (presidente della Repubblica) e la Cattedrale Metropolitana.

Seconda tappa politica è l’Avenida de 9 Luglio. Qui oltre ad ammirare la gigantesca arteria stradale c’è l’obelisco di 65 metri, dove la bandiera fu issata.

Terza tappa è Puerto Madero. Una delle zone più salutari della città, immersi nel verde della Reserva Ecologica Costanera Sur. Poi una bella passeggiata sul Puente de la Mujer, tocco d’arte moderna di 160 metri. Se c’è tempo, resta un salto alle navi Fragada Sarmiento e Corbeta Uruguay.

Ultime due tappe irrinunciabili sono il multietnico quartiere San Telmo con le storie sulla nascita del tango, i mercatini di oggetti e souvenir, fra cui le famose targhe fileteados. In più, a scelta, se il tempo è sufficiente, si può passare al Museo di Arte Contemporanea.

E poi naturalmente il quartiere della Boca, vicino al famoso Bombonera. Qui da visitare assolutamente c’è “El Caminito”, un museo open che mostra le abitazioni in lamiera dipinta del secolo scorso.

Cosa vedere a Buenos Aires in due giorni

Se il periodo di permanenza si riduce a soli due giorni, allora chiaro che le mete cambiano un po’. Sicuramente è consigliabile vedere la piazza politica (Playa de Mayo) e i suoi edifici vicini. Poi non molto distante si riesce a fare anche un salto all’Obelisco di Avenida 9.

Se c’è ancora tempo si dovrebbe riuscire nel pomeriggio a passare dalle parti di Puerto Madero, il quartiere moderno con uffici e musei di Buenos Aires.

Il secondo giorno diretti subito alla Boca per rivivere un po’ la storia particolare del quartiere navale sul Rio de la Plata.

E poi fra improvvisate danze di tango e colori e festa al quartiere San Telmo per le ultime corse ai souvenir e alla Chiesa Ortodossa russa.

Cosa vedere a Buenos Aires in quattro giorni

Se c’è un giorno in più a disposizione rispetto a un solo weekend o un massimo di tre giorni, allora oltre alle tappe già indicate, potete aggiungere due tipi di tour, sempre culturalmente interessanti.

O andate al Teatro Colón, che potete visitare oppure solo ammirare, per poi passare al Palacio Barolo e al Palazzo del Congresso. Poi sempre sulla strada trovate la libreria (ex teatro) El Ateneo, una delle più belle al mondo.

Seconda proposta è andare a Retiro ammirare il palazzo-museo di 4 piani, vedere la statua di San Martin (eroe nazionale) e poi chiudere con una visita al Cementerio Monumentale de la Recoleta. Fra le tombe quella di Evita Perón. Poco dopo al barrio “Palermo” su di lei, su Frida Khalo, su Cezanne e tanti altri trovate documenti e quadri in due musei: o quello d’Arte Latino Americana o quello di Belle Arti.