Satriano di Lucania, scopriamo la cittadina famosa per i suoi murales

satriano di lucania

Quanti sono i murales di Satriano di Lucania

Cittadina ricca di tradizioni e storia, Satriano di Lucania si adagia tra le pendici di tre fortificazioni: il Castello, il Piesco e la Madonna della Rocca, che si affacciano sulle rive del fiume Melandro.

Città natale del pittore Giovanni de Gregorio, detto “Pietrafesa” dall’antico nome del paese, Satriano è famosa per essere la “capitale del murales dell’Italia meridionale”: il centro del piccolo paese ospita infatti oltre 500 murales, e il numero aumenta ogni anno.
Il paese è anche sede dell’Accademia del Peperoncino Lucano, il peperoncino simbolo della cucina locale. Ultimo ma non meno importante, c’è il Carnevale di Satriano, un carnevale storico, arcaico ed estremamente suggestivo.
È uno degli eventi più famosi della regione e ruota attorno alla figura del “RUMIT”, l’Uomo degli alberi e la foresta vivente.

Se cerchi un posto speciale in Basilicata, con Satriano nella Valle del Melandro, sei nel posto giusto. Infatti, come in altre regioni d’Italia, qui ci sono alcuni borghi caratteristici con un interessante connubio tra turismo e arte: la Valle del Melandro deve essere tra le tue prossime mete in Italia.

Benvenuti in Basilicata allora, un’affascinante regione con due coste separate (che toccano il Mar Tirreno e lo Ionio), due città-province (Potenza e Matera), due anime (foreste mitiche e rive del Mediterraneo) e persino due nomi, visto che è anche conosciuta come Lucania.

Venendo in questa regione devi dimenticare il Rinascimento di Firenze, il Barocco di Roma, la magia di Venezia e il brusio e la moda di Milano. Dimentica discoteche e passerelle. Qui troverai la possibilità di una vacanza in campagna in un ambiente unico e naturale, dove quasi tutto sembra essere bloccato nel tempo.

Visitare la Basilicata, in particolare la Provincia di Potenza, ti riconcilierà con i tuoi sensi, la natura, le tradizioni, il buon cibo e i miti.
In Basilicata, alcune persone credono in fate, streghe, spiriti maligni, destino e “Rumit” (uomini simili ad alberi che vivono nelle foreste). Questa zona è nota per essere incantata in tutta la letteratura italiana ed è stata rappresentata in diversi film.

L’area dipende anche dalle stagioni: in estate troverai paesaggi verdeggianti; in autunno, la magia del fogliame; in inverno montagne innevate e in primavera valli fiorite.

La Valle del Melandro è una delle gemme segrete della Basilicata. Cascate, boschi, piccoli borghi e montagne e incontri con cervi, cinghiali, aquile e lupi. Qui si trova il Parco Nazionale dell’Appennino Lucano – Val d’Agri – nei pressi del comune di Lagonegro.
Le città migliori, parlo Sasso di Castalda, Satriano di Lucania, Brienza, Sant’Angelo le Fratte e Savoia di Lucania, vantano case splendidamente dipinte, piazze incantevoli, fontane medievali e, a volte, torri e castelli. Il capoluogo di questa regione, Potenza, è annidato in cima a una montagna con alcune grandi attrazioni in offerta che meritano considerazione.

Essendo una città di servizi e istituzioni, Potenza ospita i migliori musei della Basilicata, come Museo Archeologico Nazionale della Basilicata, dove troverai i tesori di una terra colonizzata prima dagli antichi greci e poi dai romani.

Ma Potenza è anche città di chiese medievali, come quella dedicata a San Francesco d’Assisi e un’altra, ancora più bella, dedicata a San Michele Arcangelo.
Paesi da segnalare come Satriano e Sant’Angelo, famosi per la tradizione di arricchire le case con colori vivi e pitture murali, Satriano, diventa la città in provincia di Potenza famosa per ospitare l’omonimo carnevale e il Lucania Etno Folk Festival.
Ma qui verrai soprattutto per i suoi murales, infatti più volte è stata nominato “capitale dei murales italiani”.